Accedi

Dimagrire in allattamento non è impossibile

delia ravetti il percorso breaters Jan 29, 2022
Breaters_Dimagrire in allattamento non è impossibile

In questo articolo proverò a spiegarti come e perché l’allattamento, contrariamente a quanto si creda comunemente, possa essere il momento in cui perdere naturalmente il peso rimasto dopo il parto.

La donna durante l’allattamento consuma molte energie per produrre il nutrimento per il suo bambino, non così tante come si credeva un tempo quando si consigliava di ‘mangiare per due’, ma comunque sufficienti a far scendere il residuo di peso in eccesso dopo una gravidanza. 

 

Ritrovare la forma allattando

 

Oggi le donne desiderano dimagrire mentre allattano e questo è possibile semplicemente adattando la quantità di cibo al fabbisogno senza superarlo. Non è necessario mettersi a dieta in modo restrittivo perché c’è bisogno di avere un apporto di tutti i nutrienti e soprattutto non si deve arrivare a perdere le energie (durante l’allattamento molte donne hanno una fame vorace e anche rapidi cali di energia). 

Il primo passo è l’ascolto di sé. (Leggi anche: La meditazione è necessaria per un’alimentazione consapevole?) Inizia a scoprire come e a “sentire” quanto mangiare per dimagrire allattando. Il corpo è saggio e se l’ascolto diventa più sottile, con minore interferenza della mente razionale, ci dice di cosa necessita. 

Quindi, rilassati e affina l’ascolto, con semplici accorgimenti non sarà difficile dimagrire sia mentre allatti che dopo l’allattamento.

 

Possibili difficoltà a dimagrire in allattamento

                           

Spesso alla neo mamma viene detto che se il bambino non mangia tanto, se piange e chiede di attaccarsi spesso al seno, se non cresce subito di peso come da previsioni, la responsabilità è del latte che forse non è sufficientemente nutriente o non sufficiente come quantità. Nella fragilità del post parto, seguendo meccanismi antichi, spesso questo porta a mangiare di più o cibi ‘più nutrienti’ con la speranza un po’ magica che zampilli nutrimento per quel piccolo essere che fino a poco tempo prima era parte del corpo materno e, a livello energetico, lo è ancora.

Questo meccanismo, spesso amplificato da parenti e neo nonni, può comportare un aumento del peso o una difficoltà nel dimagramento.

 

Affidiamoci al buonsenso anziché ai consigli della famiglia

 

Quando una neo mamma viene da me preoccupata perché non riesce a perdere peso allattando per prima cosa esaminiamo cosa e quando mangia nella sua giornata. Il cambiamento che i neonati portano nella vita (soprattutto quando sono i primi) rende difficile anche solo ricordare che cosa si è mangiato in quel giorno o il giorno prima, soprattutto se non c’è un allenamento della consapevolezza delle proprie azioni. Gli automatismi prevalgono.

Se necessario può essere utile consultare qualcuno di esperto in allattamento e poi rilassarsi per iniziare una giusta alimentazione che permetta di dimagrire allattando.

(Leggi anche: Perché la mindfulness può farti dimagrire?)

 

Come perdere peso in allattamento                                      

 

Per prima cosa il nutrimento per la mamma e la creatura arriva da alimenti naturali ricchi di elementi di cui il corpo ha bisogno e privi di inutili additivi. Leggere le etichette degli ingredienti è sempre una buona regola per dimagrire.

In allattamento, quindi, per perdere peso sarà sufficiente evitare i cibi pieni di zuccheri, non servono a nulla, le bibite zuccherate, gli eccessi di sale. Quindi quei cibi trasformati industriali dolci o salati molto ricchi di zuccheri e grassi come patatine e snack salati, merendine, creme, salsine, cibi pronti e confezionati con tanti ingredienti, molti dei quali utilizzati solo per dare consistenza o colore o sapore a cibi di per sé un po’ poveri.

(Leggi anche: Fame nervosa: che cosa sono i comfort foods?)

Cosa mangio per dimagrire allattando?

                  

È fondamentale mangiare molta verdura cotta e cruda, della frutta, dei cereali, della buona pasta nella quantità corretta, delle proteine animali o vegetali (carne, pesce, uova, legumi, formaggio senza esagerare), dei grassi essenziali che si trovano nel pesce, nelle noci, nei semi e anche nell’olio.

Ogni pasto dovrebbe contenere due belle porzioni di verdure, del buon cereale come riso o orzo o farro o della pasta, una proteina a scelta, condito con olio e spezie o erbe. 

 

Ecco le linee guida fondamentali

 

La mamma che allatta magari non ha tempo di cucinarsi le cose che le fanno bene, allora è fondamentale nei primi tempi l’esistenza di un supporto, familiare o amicale o territoriale.

Allattare è un’attività molto dispendiosa anche se molto gratificante, dimagrire allattando non è così difficile se si seguono semplici linee guida: 

  •  La colazione variata, ricca, scegliendo tra cereali, yogurt, frutta, frutta secca, a volte uova o altra proteina animale o vegetale qualunque cibo che non sia un insieme di ingredienti di scarsa qualità e tanto zucchero come spesso sono merendine o biscotti della colazione.
  • Uno spuntino mattutino e uno pomeridiano (per i cali di energia allattando) a base di frutta secca, cubetto di parmigiano, frutto, talvolta anche del buon pane con burro (magari di alpeggio) e marmellata o tahin e miele o lupini. Se possibile, centrifugati o estratti di verdure e frutta che sono rivitalizzanti ogni giorno.
  • Non uscire dai 3 o 5 pasti, l’ordine col cibo è fondamentale.
  • Bere tanto, anzi tantissimo, più latte si produce più bisogna bere. 

No ai “cibi dietetici”

 

Spesso le donne che vogliono dimagrire comprano e consumano molti cibi ‘dietetici’ sperando che questo permetta di togliersi degli sfizi in più. 

I cibi light servono a qualcosa? La risposta è no. Soprattutto quando si allatta, il potere nutritivo di un alimento è fondamentale. I cibi che sono stati alleggeriti di grassi o zuccheri in realtà sono cibi impoveriti, spesso privi di fibre che darebbero sazietà e quindi il corpo ne richiede quantità maggiori per saziarsi senza che questo dia maggior beneficio all’allattamento. 

 

La trappola dei surrogati dello zucchero

 

Gli edulcoranti che sostituiscono lo zucchero possono indurre un aumento della fame che in allattamento è già tanta, così i grassi vegetali possono scatenare, per una serie di meccanismi biochimici, una fame vorace di cibi ipercalorici (quelli che spesso vengono donati alle mamme che allattano).

Quindi per perdere peso in allattamento chiedete aiuto, invece del dolcino fatevi regalare o preparare delle belle verdure fresche, un bel piatto di pasta o di cereali con verdure e una porzione di proteine a scelta. Piatti semplici ma gustosi. La mamma supportata in questo modo torna naturalmente al suo peso dimagrendo allattando.

Infine non dimentichiamo che il corpo è fatto per muoversi e ci si può muovere anche allattando!